Bonus figli

Bonus figli

L’INPS mette a disposizione dei genitori, durante i periodi di maternità e paternità, strumenti di sostegno economico e tutela, come indennità, congedi, assegni e bonus

.I caf Roma ti assistono nella richiesta di tutti i bonus previsti per chi sta per diventare genitore o per chi è un neo genitore. A chi spettano e requisiti per chiederli

 

Bonus bebè

L’assegno di natalità (anche detto "Bonus Bebè") è un assegno mensile destinato alle famiglie per ogni figlio natoadottato o in affido preadottivo.

Vengono erogate dall'INPS altre prestazioni come l'assegno di maternità di base, che, concesso dai comuni, spetta ai genitori solo per alcune fasce di reddito e l'assegno di maternità dello Stato, che, concesso dall'Istituto, spetta invece per lavori atipici e discontinui.

Il congedo di maternità per lavoratrici domestiche in gravidanza spetta durante tutto il periodo di astensione obbligatoria previsto dalla legge, come indennità sostitutiva della retribuzione.

Per i primi tre anni di vita del bambino viene erogato un' assegno mensile

  • 920 € (160 € al mese), con Isee non superiore a 7.000 €;
  • 440 € (120 € al mese), con Isee superiore a 7.000 e fino a 40.000 €;
  • 960 € (80 € al mese), con Isee superiore a 40.000 €.

La domanda deve essere presentata solo per via telematica all’INPS entro 90 giorni dalla nascita (o entro il 27 luglio 2015 per i nati dall’1.1.2015 al 27.04.2015). E' necessaria la certificazione ISEE (da ripresentare ogni anno entro il 15 gennaio).

Il bonus bebè spetta per i figli:

  • di cittadini italiani o di uno Stato Ue;
  • di cittadini stranieri con permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo;
  • di cittadini stranieri con status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria;
  • di cittadini stranieri con carta di soggiorno per familiare di cittadino Ue, non cittadino di uno Stato membro;
  • di cittadini stranieri con carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro della Ue.

Il genitore che richiede il bonus bebè deve essere residente in Italia e convivente con il figlio per il quale richiede la prestazione.

Il bonus è riconosciuto a partire dal giorno della nascita o dell’ingresso del bimbo nel nucleo familiare se la domanda è presentata entro 90 giorni; oltre tale termine, il contributo viene versato a partire dal mese di presentazione della richiesta.

 

Bonus asilo nido

E' un contributo erogato per far fronte a due distinte situazioni: il pagamento delle rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati e il pagamento di servizi di assistenza domiciliare a favore di bambini con meno di tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili in quanto affetti da gravi patologie croniche.

Nell’ambito degli interventi normativi a sostegno del reddito delle famiglie, l’articolo 1, comma 355, legge 11 dicembre 2016, n. 232 ha disposto che ai figli nati dal 1° gennaio 2016 spetta un contributo di massimo 1.000 euro, per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati e di forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche. L’articolo 1, comma 343, legge 27 dicembre 2019 n. 160, ha elevato l’importo del buono fino a un massimo di 3.000 euro sulla base dell’ ISEE minorenni, in corso di validità, riferito al minore per cui è richiesta la prestazione. Il premio è corrisposto direttamente dall’INPS su domanda del genitore. 

Il bonus asilo nido per il 2021 è pari a:

  • ISEE minorenni fino a 25.000 euro = budget annuo 3.000 euro (importo massimo mensile erogabile 272,72 euro per 11 mensilità);
  • ISEE minorenni da 25.001 euro fino a 40.000 euro = budget annuo 2.500 euro (importo massimo mensile erogabile 227,27 per 11 mensilità);
  • ISEE minorenni da 40.001 euro = budget annuo 1.500 euro (importo massimo mensile erogabile 136,37 per 11 mensilità);

Il contributo mensile erogato dall’Istituto non può eccedere la spesa sostenuta per il pagamento della singola retta. Il bonus asilo nido è corrisposto ogni mese per 11 mensilità; viene concesso come contributo per il pagamento della frequenza di asili nido pubblici e privati o per forme di supporto presso la propria abitazione, per minori al di sotto di 3 anni con gravi patologie croniche, impossibilitati a frequentare il nido.

Alla domanda per il bonus il genitore richiedente deve allegare il documento di iscrizione del minore al nido e del pagamento di almeno una mensilità della retta del nido.

 

Bonus mamma domani

Il premio alla nascita di 800 euro (bonus mamma domani) viene corrisposto dall’INPS per la nascita o l’adozione di un minore, a partire dal 1° gennaio 2017, su domanda della futura madre al compimento del settimo mese di gravidanza (inizio dell’ottavo mese di gravidanza) o alla nascita, adozione o affidamento preadottivo. Il premio non concorre alla formazione del reddito complessivo di cui all'articolo 8 del Testo Unico delle imposte sui redditi.

La prestazione, altrimenti detta bonus mamma domani, è rivolta alle donne in gravidanza o alle madri per uno dei seguenti eventi verificatisi dal 1° gennaio 2017:

  • compimento del settimo mese di gravidanza;
  • parto, anche se antecedente all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza;
  • adozione nazionale o internazionale del minore, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184;
  • affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, c. 6, l. 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34, l. 184/1983.

Il beneficio è concesso in un’unica soluzione per ogni evento (gravidanza, parto, adozione o affidamento) e in relazione a ogni figlio nato, adottato o affidato.



Tags: CAF e Patronato Umami 0


Appia

Caf Roma

346/2207701

Whatsapp

via Muzio Scevola, 42

Metro Torre Maura

Tel: 06/786965

Contatti

umamiservizi@libero.it

Email

Torre Maura

Caf Roma

375/6679110

Whatsapp

via dell'Aquila Reale, 62

Metro Torre Maura

Tel: 06/96036610

Contatti

umamiservizi2@libero.it

Email